RSS Feed

Mastella: non sarò Clemente

Commenti disabilitati su Mastella: non sarò Clemente

giugno 4, 2009 by admin

Non sarà clemente. Soprattutto nei confronti del centrosinistra. Il libro-memoriale dell’ex ministro Mastella, dall’esplicativo titolo Non sarò Clemente, si annuncia duro, se non impietoso, nei confronti di chi non lo ha difeso e lo ho lasciato solo, in mezzo al guado dell’arresto della moglie, della sua uscita di scena e dello scompaginamento giudiziario del suo partito. “Eppure ero il Guardasigilli, colui che firmava le leggi dello Stato insieme con il presidente della Repubblica. Dovevano avere il coraggio di difendermi, invece fu una corsa a defilarsi. Vespa collezionò, in quei giorni, 11 rifiuti a partecipare alla trasmissione in cui si sarebbe parlato delle mie dimissioni. Forse si vergognavano del loro ex ministro. Non ebberò, però, il coraggio di farlo in pubblico. Avrebbero dovuto dire agli italiani: vi chiediamo scusa, ci siamo fidati di un farabutto. Ora andiamo al voto anticipato”.
Le “anticipazioni” del libro di prossima uscita sono state divulgate stasera in un auditorium “Calandra” decisamente affollato per la chiusura della campagna elettorale di Mastella, apparso disciplinatamente inserito nel PdL, a cominciare dal manifesto e dalla riproduzione della scheda elettorale, con due preferenze già opzionate (Berlusconi e, appunto, Mastella). Sul palco anche i parlamentari del Popolo della Libertà, tra cui la coordinatrice provinciale Nunzia De Girolamo.

La scena, naturalmente, è stata tutta per Mastella, che ha parlato per circa un’ora. Se si potesse dividere il suo discorso, si potrebbe dire che tre quinti sono stati dedicati alle sue disavventure (giudiziarie e politiche), e gli altri due alle prospettive che pone la sua candidatura alle Europee.

Giudizi duri e severi nei confronti di chi ha voluto la sua fine politica, di chi lo ha “spiato” e combattuto fin dal giorno del suo insediamento a via Arenula (“eravamo tutti intercettati: io, mia moglie, i miei figli, finanche gli agenti della scorta”), degli amici che se sono andati con il “bottino” (fatto di candidature e “imprimatur” ottenuti a piene mani negli anni d’oro), del centrosinistra codardo che non lo ha difeso, ritenendolo, forse, impresentabile, e che, in sede locale, ha voluto e sfruttato il suo voto alle provinciali del 2008 ma che, se avesse potuto, gli avrebbe impedito anche di presentare il simbolo, di Franceschini (“Il Pd è messo davvero male, visto che hanno chiamato lui a fare il segretario”), di Di Pietro (“E’ uno che fa a cazzotti con se stesso”), di De Magistris (“Un analfabeta dal punto di vista politico”).


Commenti disabilitati su Mastella: non sarò Clemente

Sorry, comments are closed.

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress