RSS Feed

Fuochi d’artificio, anche nel Sannio una tradizione pericolosa

0

dicembre 29, 2009 by avsim

di Simone Aversano

Come ogni fine anno, gli organi di informazione ci rimandano le notizie relative ai vari sequestri di fuochi d’artificio fabbricati male, pericolosi, venduti senza licenza. Un fenomeno che è a tratti strutturale in un settore che non conosce crisi e che ogni anno sa riaprire i battenti con le stesse speranze di fatturato. Tutto si basa, infatti, su di una tradizione più o meno salda, che è quella di “sparare i botti” ogni Capodanno. Dai fuochi pirotecnici che illuminano i cieli del nuovo anno con autentiche magie, ai più banali petardi che producono soltanto un gran baccano e provocano spessissimo morti e feriti.
Il passaggio dall’una all’altra tipologia di fuochi d’artificio non è indolore, ma rappresenta il salto tra l’arte pirotecnica e la sua volgarizzazione e degenerazione. Se ancora nel 2009 (ormai quasi 2010) in ogni parte del mondo si utilizzano i fuochi pirotecnici per ogni genere di celebrazione (e si guardino, tra pochi giri d’orologio, le autentiche magie che le webcam ci invieranno in diretta da Sydney), il motivo è essenzialmente che questa tradizionale arte non è nulla di banale o volgare. Non, dunque, i fuochi in sè sono un problema, ma lo è il loro utilizzo illegale o per fini illegali. E da queste degenerazioni dobbiamo tenerci alla larga.
Nel Sannio, il fenomeno dei botti illegali ci viene raccontato abbastanza puntualmente anche dall’informazione locale. E’ un dato che esistano fabbricazione, smercio, depositi di fuochi proibiti e quant’altro anche dalle nostre parti. Non serve neppure attendere la notizia dell’ultimo arresto o del più recente sequestro di materiale esplodente, per sapere in che misura ogni cittadino sannita rischia di acquistare fuochi irregolari e pericolosi. Per saperlo, basta girare lungo le strade: osservare, tra una vetrina natalizia ed una luminaria, i box fatti di cartone, legno e amianto che sorgono ogni fine anno ai bordi delle principali strade.
Sono i punti-vendita dei fuochi, a disposizione per chiunque volesse acquistarli. Ma le notizie c’insegnano che di simili rivenditori se ne trovano anche stipati nelle cantine o nei garage di Benevento e provincia, nel pieno svolgimento di un’attività evidentemente illegale. Non così evidente è, invece, l’illegalità dei botti che adocchiamo per le strade, ai margini dei marciapiedi ed agli angoli dei semafori. Come in ogni cosa, ci sono le parti buone e quelle cattive, i fuochi legali e perfettamente funzionanti (che in rarissimi casi, e solo se usati in modo scorretto, possono provocare danni a cose o persone) e quelli illegali e pericolosi.
In queste ore è già cominciata la corsa all’acquisto, anche da parte dei cittadini di Benevento, dei botti da utilizzare durante la notte di Capodanno 2010. Anche se ormai è usanza “sparare” anche la notte di Natale e in tutti i giorni delle festività natalizie. Finora pare che nel Sannio non ci siano stati feriti o danni a causa di questa usanza molto diffusa. Si spera, naturalmente, che niente di tutto ciò avvenga, e che non si sia costretti ad assistere alle tremende mutilazioni e lacerazioni, patite soprattutto dai più giovani, che si registrano nel napoletano ed in ogni parte d’Italia, a causa dei fuochi artificiali. Ma, prima d’ogni altra cosa, bisogna sperare che i cittadini beneventani e sanniti sappiano scegliere tra il bene e il male, tra la tradizione e la sua forma degenere e dannosa. Anche perchè, molto spesso, dietro la fabbricazione e lo smercio dei botti proibiti si nascondono ben più profondi traffici illeciti, gestiti da chi stiamo imparando a conoscere.


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress