RSS Feed

Integrazione, il modello San Bartolomeo in Galdo

4

gennaio 28, 2010 by admin

di Giancristiano Desiderio

San Bartolomeo in Galdo, nell’Alto Sannio, al confine con la Puglia, è un paese di circa cinquemila abitanti con una piccola ma pur consistente presenza di stranieri in cerca di lavoro. C’è una nutrita presenza di badanti provenienti dall’Est, un numero non piccolo di operai di origine africana – Marocco, Libia, Algeria – e qualche presenza sudamericana. Centocinquanta stranieri su una popolazione di cinquemila abitanti non sono pochi. Ma qui, tra le montagne e le valli della Val Fortore non potrebbero mai accadere “i fatti di Rosarno” o, peggio, “i fatti di Castel Volturno”. E non per il numero esiguo, sia pure non piccolo per il comune sannita, degli extracomunitari, bensì per la riuscita integrazione che c’è tra gli stranieri e i sanbartolomeani. Qui, infatti, il Rotary Club ha organizzato un “corso di approccio alla lingua italiana e accenni alla costituzione, istituzione e servizi per stranieri”. Risultato? Un successone.
Il 2 dicembre c’è stata la prima lezione. Ogni settimana, il mercoledì sera alle 19,30, per un totale di nove lezioni – ma visto la grande affluenza si vorrebbe continuare con qualche altro incontro – le insegnanti, i docenti e i professionisti di San Bartolomeo si ritrovano insieme con badanti ucraine e rumene, operai marocchini e insegnano loro la lingua italiana e si soffermano su alcuni articoli della Carta costituzionale. “Devo dire che è un vero piacere fare questi incontri”, dice l’avvocata Lina Fiorilli, “perché non ci aspettavamo una presenza così nutrita ed entusiastica: stiamo bene insieme, tanto che agli incontri vengono anche i figli delle badanti e degli operai stranieri”. Gli stranieri, arrivati fin sulle montagne innevate di San Bartolomeo, hanno il regolare permesso di soggiorno e svolgono un lavoro o nella famiglie di San Bartolomeo dove c’è bisogno di assistenza per anziani e persone sole o nelle fabbriche di questa gente operosa. L’integrazione ha raggiunto concretamente un ottimo livello dal momento che gli stranieri hanno tutti un buon tetto sulla testa: condizione, questa, che è necessaria per non creare situazioni di disagio per gli stranieri e per gli italiani. Il modello San Bartolomeo sembra funzionare e, forse, non sarebbe neanche difficile da adottare altrove. L’accoglienza e l’integrazione si sposano, del resto, anche con un certo orgoglio di San Bartolomeo a difendere le proprie tradizioni e persino il proprio dialetto: oggi in paese si presenta un dizionario del dialetto sanbartolomeano o galdese.
San Bartolomeo in Galdo è un vero crocevia situato com’è strategicamente tra Campania, Puglia e Molise. Il suo territorio cade nella provincia di Benevento, ma la condizione delle strade e la vicinanza alla Puglia portano i sanbartolomeani a frequentare la Capitanata. Negli ultimi anni e decenni da San Bartolomeo sono partiti interi nuclei familiari: ancora negli anni Sessanta il paese raggiungeva i quindicimila abitanti. Da un po’ di tempo, però, la comunità sembra essere nuovamente in crescita e il fenomeno dell’immigrazione degli stranieri dell’Europa dell’Est e dell’Africa conferma la tendenza e arricchisce il paese di un elemento umano. I sanbartolomeani sembrano saperne fare tesoro.


4 comments »

  1. uomo ha detto:

    E si….proprio così!perchè non approfondisci l’articolo e vedi l’altra faccia della medaglia?Perchè non vedi le aziende in quel pesino che hanno licenziato i dipendenti italiani (sanbartolomeani) e hanno trovato manodopera a basso costo (si veda se sono versati i contributi ec…) negli stranieri???Attendo fiducioso un vostro riscontro

  2. san bartolomeano ha detto:

    Bel blog, i commenti “indesiderati” vengono cancellati!Bel modo di fare…e per cosa?Per aver fatto dei commenti all’articolo che non descrive “tutta ” la realtà…ma va beh, tanto ecchisenefrega dei sanbartolomeani (prima sottopagati!lavorando in nero e senza contributi!!!) che sono stati mandati a casa per far posto ad altri lavoratori (ancora più convenienti!!!ovviamente…) stranieri!non sono razzista, anzi, ma nell’articolo si parla di integrazione, io invece parlerei di “scambio” visto che gli stranieri vengono a san bartolomeo e i san bartolomeani vanno via…per cercare lavoro!

    Questo è il secondo commento dopo il primo che mi è stato cancellato…vediamo in quanto tempo verrà cancellato anche questo, ma tanto ogni tanto mi “affaccerò” da queste parti e ri-commenterò…

    A presto, un sanbartolomeano!

  3. admin ha detto:

    l’unica cosa che non desideriamo sono le false email di chi commenta (anche se disponiamo del numero I.P.). per quanto riguarda, invece, il ritardo va chiarito nuovamente che, a causa dell’enorme mole di commenti spam (soprattutto russi e statunitensi), siamo costretti peridicamente a fare una selezione. di qui il ritardo

  4. san bartolomeano ha detto:

    False mail?Come hai ben detto avete l’indirizzo ip, quindi nel caso in cui chiunque (compreso me!) scriva cose legalmente perseguibili potete sempre denunciarlo…Ma comunque, non voglio aprire una discussione su ciò, credo che l’importante non sia io chi so, ma cosa ho scritto, cose che rispecchiano la realtà, per avere una visuale completa e non parziale.

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress