RSS Feed

Come sfuggire alla sensazione d’impotenza e solitudine di chi vorrebbe cambiare le cose?

2

febbraio 4, 2010 by admin

di Billy Nuzzolillo

Come restare indignati senza diventare frustrati e sfuggire alla sensazione di solitudine di chi vorrebbe cambiare le cose?
Qualche settimana fa Michele Serra dalle colonne del Venerdì di Repubblica scriveva: “La politica, in questo momento, non ha un grande potere di attrazione, esiste però una fitta rete di associazioni, di esperienze, di incontri che consentono alle persone di esprimersi”.
E proseguiva scrivendo: “L’indignazione e l’incazzatura, in sé, sono solo un grumo vitale ma confuso, buono per catalizzare altri indignati. Ma se le usi, indignazione e incazzatura, come benzina da mettere in un motore, allora cominci a fare strada, e facendo strada il paesaggio ti sembra meno immobile, la tua impotenza comincia a diradarsi”.
E al giovane lettore che gli chiedeva cosa fare, Serra rispondeva: “Leggi, parla, incontra i tuoi simili. Non lasciarti rodere dalla rabbia… Indignarsi è il primo grado. Il difficile comincia dopo”.
Cosa ne pensate? Aspetto i vostri commenti e suggerimenti, anche su Facebook.


2 comments »

  1. Rosanna Carpentieri ha detto:

    Caro Billy anch’io diserto le urne oppure rifiuto la scheda facendo verbalizzare che la rifiuto in quanto non mi sento rappresentata da nessuno. “Rappresentata”: questo forse è il punto. Penso che dobbiamo imparare a praticare la democrazia diretta i cui cardini sono nella costituzione, la quale prevede democrazia rappresentativa + democrazia diretta.Forse è l’unico modo per incanalare la nostra rabbia ed indignazione e fare qualcosa di concreto.La sovranità che spetta al popolo resterà sempre monca se la riduciamo alla democrazia rappresentativa:tutti gli indignati devono avere un peso politico costruttivo e apartitico.Il popolo ha poteri di iniziativa legislativa, ma quando è stato veramente consapevole delle sue prerogative? Mai! Ora siamo ad una deriva democratica e l’unico mezzo che abbiamo per guadare la nausea e la sensazione d’impotenza è riappropriarci del nostro potere con le connesse responsabilità.Grazie per la riflessione che mi consenti…

  2. Rosanna Carpentieri ha detto:

    Aggiungo…ci riflettevo proprio ieri: la Costituzione italiana dice molto chiaramente che la sovranità è esercitata dal popolo in maniera INDIRETTA (attraverso quindi dei rappresentanti eletti dal popolo – ora non più con l’attuale legge elettorale) ed in maniera DIRETTA, quindi Democrazia RAPPRESENTATIVA e Democrazia DIRETTA.

    Gli articoli 50, 71, 75 e 138 della Costituzione italiana non lasciano molte vie di interpretazione, sono chiarissimi!. La Democrazia Rappresentativa complementata dalla Democrazia Diretta è quanto aveva in mente l’assemblea costituente quando stabiliva all’articolo 1 che “la sovranità appartiene al popolo”… che la esercita appunto con ENTRAMBE le forme citate sopra.

    E’ più che logico e giusto che un SOVRANO possa decidere quando lasciare ogni decisione a colui che delega ad amministrare i suoi averi e quando invece decidere da sè..

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress