RSS Feed

Una notte contro il buio mediatico

0

marzo 24, 2010 by admin

di Luigi De Magistris

“Rai per una notte” è una iniziativa di resistenza pacifica democratica. Uno sciopero bianco dell’informazione libera e indipendente contro il “grande manipolatore”intento a svuotare le coscienze sfruttando la complicità dei fedeli cortigiani delle istituzioni, degli organi che dovrebbero essere di garanzia per il pluralismo mediatico e della sempre più nutrita pletora di giornalisti dalla schiena ricurva, pronti a rispondere si obbedisco in direzione di Arcore. Mentre il premier tenta di rafforzare il suo rapporto padronale con il servizio pubblico, per riformalo a voce unica del regime e consolidare consenso politico-elettorale, i giornalisti liberi e il sindacato della stampa reagiscono alla censura di stato continuando semplicemente a fare il loro lavoro. Perché in questo Paese berlusconizzato, anche la normalità, come compiere il proprio dovere professionale rispettando solo la legge e la deontologia, diventa un atto rivoluzionario.

Ora che l’illegittimo “regolamento-bavaglio” ha mutilato la libertà d’espressione ed il diritto all’informazione cancellando i talk show dai palinsesti Rai, la Rete ha ripristinato la libertà di informare e garantito il diritto ad essere informati che spetta, secondo Costituzione, ai cittadini. Contro il silenzio che si vuole imporre si è detonata un’esplosione civile e pacifica on line: di bacheca in bacheca, di pagina in pagina, sulla Rete è passata l’energia democratica. Il sito web di “Rai per una notte”, nella sua prima versione, è crollato sotto il peso delle migliaia di connessioni: da tutta Italia, senza differenze sociali, i cittadini si sono collegati per leggere, sapere, difendere il loro diritto ad essere informati, a costruirsi un’opinione critica ed indipendente. E il sistema dell’informazione ha risposto positivamente mettendo a disposizione una schiera di siti, oltre che gli spazi televisivi (da Rainews a Sky, passando per i giornali on-line) per trasmettere la diretta streaming della trasmissione allestita al Palodozza di Bologna, dove per giovedì già si registra il tutto esaurito.

E la Rete , a cui pure tende la longa manus del potere che non tollera il confronto e la circolazione delle idee tanto da volerla azzerare per legge, si è fatta strumento di democrazia e viatico del diritto. L’oscuramento mediatico è figlio di un potere terrorizzato dall’idea di una coscienza sociale informata che non sappia solo comprare ma anche pensare e scegliere, quindi svelare le bugie del sovrano e chiedere al sovrano un passo indietro. Da questa stagione buia è scaturita una risposta luminosa che non dobbiamo far affievolire.

(da GLI ITALIANI)


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress