RSS Feed

Caso Zamparini, perchè arrivano solo ora i vincoli archeologici?

0

agosto 16, 2010 by avsim

di Gabriele Corona*

La Soprintendenza per i Beni Archeologici ha avviato le procedure per la apposizione dei vincoli sulle aree dell’Ipermercato “I Sanniti” e relativi parcheggi, ma non si comprende quali effetti potrebbe sortire questo provvedimento così tardivo.
I lavori per i primi sbancamenti cominciarono nel 2002 sui terreni tra via Valfortore, la ferrovia Benevento-Foggia e il fiume Calore, area non vincolata nonostante nella zona fossero già stati rinvenuti in passato numerosi reperti archeologici.
Nel 2003, durante i lavori per le fondazioni dell’Ipermercato, fu ritrovato ed in parte danneggiato, un tratto di acquedotto romano e solo allora la Soprintendenza si decise ad effettuare una campagna di scavo a conclusione della quale riferì di aver ritrovato, oltre all’acquedotto, strutture di un edificio databile al II secolo dopo Cristo, alcune sepolture tardo-antiche, un acciottolato dell’Età del Ferro ed altre interessanti evidenze riferibili all’Età del Bronzo Antico.
A seguito di tali scoperte la Soprintendenza pretese la modifica del progetto con le seguenti prescrizioni: arretrare di 6 (sei) metri le fondazioni dell’Ipermercato, escludere la costruzione del parcheggio interrato già autorizzato, consentire la realizzazione degli altri parcheggi a raso lasciando a vista alcuni reperti rinvenuti. Con una nota alla stampa del 12 aprile 2006, la Soprintendente dell’epoca, la dott. Giuliano Tocco, spiegò che “Il parere del 29.4.2005 autorizzava la realizzazione del parcheggio a raso, prescrivendo alla Ditta Zamparini che fossero conservate a vista… le strutture più significative rinvenute nell’area, ovvero l’acquedotto e l’edificio in opus reticulatum di epoca imperiale. Per quanto attiene alle evidenze non monumentali … come quelle risalenti al periodo preistorico e protostorico -continuava la dotta.ssa Tocco- si prescriveva che venissero debitamente preservate e ricoperte secondo le disposizioni della stessa Soprintendenza. Essendo di per sé un parcheggio facilmente reversibile, poteva ritenersi in tal modo assicurata la tutela e la conservazione di tutte le preesistenze archeologiche, non escludendo la possibilità di intervenire successivamente, con finanziamenti ad hoc, con un progetto complessivo mirante alla loro valorizzazione”.
Quindi, secondo la ex Soprintendente, volendo si potrebbero tirare fuori nuovamente  le strutture murarie rinvenute e ora ricoperte di cemento ed asfalto, e valorizzarle. A questo scopo la nuova Soprintendente, la dott.ssa Maria Luisa Nava, ha previsto ora di apporre i vincoli archeologici sull’intera area? E perché l’ufficio periferico del Ministero dei Beni Culturali si ricorda solo adesso della importanza di quei reperti “preistorici e protostorici”? E a spese di chi dovrebbero essere eseguiti i lavori? Di Zamparini che è solo l’utilizzatore con contratto di leasing dell’Ipermercato e delle aree limitrofe, o dei proprietari, cioè le società finanziarie che li hanno acquistati dal 2005?
C’è da scommettere che né Zamparini né altri cacceranno un solo euro per valorizzare quei beni collettivi di grande interesse storico che rimarranno seppelliti dai parcheggi. Del resto, è bene ricordare, che Zamparini non ha ancora provveduto neppure a recuperare la antica masseria per destinarla a museo e centro accoglienza per i visitatori del Parco fluviale che non ha ceduto al Comune. L’imprenditore friulano per complesse relazioni con l’Amministrazione comunale, non ha realizzato a sua cura e spesa il tratto di asse interquartiere dal costo di € 1.700.000, ha risparmiato altri  €.200.000 per l’acquisto di terreni necessari ad ampliare  via Mura della Caccia, non ha corrisposto altri 800.000 euro per i sottopassi ferroviari e non ha abbattuto i capannoni abusivi, nonostante gli impegni sottoscritti nel 2005 con le amministrazioni di centrodestra, e nel 2006 con quella attuale di centrosinistra.
Una parte di questo “contenzioso” è oggetto di ricorso al TAR da parte del Comune, ma la udienza fissata prima alla fine del 2009 e poi a febbraio del 2010, è stata ancora rinviata. Non è oggetto di contenzioso, invece, la cessione della strada che porta al Centro commerciale e dovrebbe sbucare a via Valfortore. Zamparini si era impegnato a realizzarla a sue spese per non versare al Comune altri 524.000 euro di oneri di urbanizzazione. Quella strada, però, non è stata mai ceduta al Comune, né sono stati pagati i relativi oneri, e anche nella giornata di ieri, Ferragosto, essa era sbarrata con la conseguente impossibilità per i cittadini di accedere al cosiddetto Parco Fluviale.
Della questione si è occupata anche la Procura della Repubblica con una indagine che ha portato recentemente ad alcune richieste di misure restrittive e sequestri di beni, per imprenditori, tecnici, funzionari ed amministratori comunali, che però non sono state accolte dal Giudice per le Indagini Preliminari. Ora si attendono le richieste di rinvio a giudizio per conoscere quali sono le specifiche contestazioni di reato.

* presidente di Altrabenevento


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress