RSS Feed

Macalli: “Lega Pro povera? Paoloni aveva uno stipendio da serie A”

0

luglio 28, 2011 by admin

(Sanniopress) – Il presidente della Lega Pro, Mario Macalli, durante la presentazione dell’accordo con Sportradar, che si occupera’ dell’analisi dei flussi di scommesse a livello mondiale sui campionati di LegaPro, ha commentato i deferimenti dello scandalo del calcio scommesse: “Ho letto nel documento dei deferimenti del procuratore federale Palazzi che compiere certi atti in LegaPro e’ piu’ facile perche’ gli stipendi sono bassi e i giocatori mal pagati.

Non e’ vero, Paoloni era pagato a livelli di Serie A e ha giocato con due societa’, Benevento e Cremonese, che pagavano lo stipendio mai il giorno dopo, semmai il giorno prima”.
Macalli, come si legge su Agipronews, ha rilevato che l’idea di sposare un progetto per il monitoraggio delle scommesse era maturata nell’ottobre del 2010, dopo le prime segnalazioni dei Monopoli di Stato sui flussi anomali di gioco e la conseguente chiusura delle giocate dei nostri bookmaker.


BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress