RSS Feed

Arredo urbano, occhio al palo!

1

settembre 6, 2011 by admin

di Daniela Conte

(Sanniopress) – Benevento come Buccinasco, Saronno e Alessandria. Cosa hanno in comune queste città? Hanno adottato il Trial System, un sistema innovativo per il rivestimento dei pali della segnaletica stradale verticale. Un prodotto, in alcuni casi, certamente utile. Il sostegno, in PVC rigenerato, può essere utilizzato come strumento per la diffusione di informazioni. La città di Benevento nasconde tesori artistici, archeologici e attività commerciali nei suoi vicoli, un palo all’ingresso di queste strade potrebbe incentivarne le visite.
Percorrendo le vie cittadine, invece, ci si trova davanti a un disordinato tappeto di cartelli, posti su pali di colore blu o arancione o bianco, confusi tra alberi, manifesti pubblicitari, auto in sosta, panchine e fioriere. Chi, in auto e non per abitudine, transita lungo via Napoli o viale Principe di Napoli, ad esempio, ha serie difficoltà a leggere la selva di segnali. Il nuovo arredo urbano infatti occupa, non solo visivamente, una superficie maggiore rispetto al vecchio (ma rivestito!) supporto di metallo. Lo spazio di avvistamento dei cartelli, quindi, si è radicalmente ridotto: non consente la giusta percezione progressiva della presenza dei segnali, impedisce di identificarne prontamente il significato e attuare il comportamento richiesto.
La segnaletica stradale deve veicolare un messaggio immediato. Pertanto, deve essere uniforme. Sarebbe bastato già un colore solo. Nemmeno la quantità di informazioni contenute dai supporti aiuta. Sui pali in PVC rigenerato, spesso, vengono applicati più segnali. Uno stop, poi un obbligo di svolta a destra e un pannello integrativo di inizio, continuazione o fine di una prescrizione. Seguono poi lungo lo stesso palo scritte removibili (e quanto dureranno?!?): il logo del Comune di Benevento, la scritta Comune di Benevento, il rione in cui ci si trova, l’indicazione della strada che si sta percorrendo e, infine, a chiudere l’elenco, un rettangolo catarifrangente.
Chissà che non sia troppo!


1 comment »

  1. Fabio ha detto:

    buongiorno, io penso che la segnaletica sulle nostre sia davvero scadente, e l’informazione difficilimente può risultare troppa, a me sembra una buona idea
    quella di coprire gli orrendi pali esistenti, e di fornire informazioni più chiare anche ai
    pedoni.

    Il problema dei segnali già esistenti è che sono troppi e mal organizzati è causa della cattiva gestione della segnaletica che è stata fatta in passato direi..

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress