RSS Feed

Le intercettazioni e… Filangieri

0

ottobre 7, 2011 by admin

di Antonio Tretola

(Sanniopress) – “Lasciar  scrivere”, parola del grande Benjamin Constant, è secondo la più luminosa tradizione liberale tutto ciò che occorre ad una nazione perchè essa giunga al massimo grado di prosperità e giustizia; ora, resta un insondabile mistero che un avventura politica sgorgata, almeno nelle fonti culturali, dalla grande sorgente del liberalismo, voglia, proprio ora che è indubitabilmente al crepuscolo, consegnarsi alla storia con la più illiberale delle leggi che si possano produrre, quella sulle intercettazioni, altrimenti e giustamente detta “bavaglio”.

L’abuso delle intercettazioni, sottolineato talora anche da uno studioso serio come Luca Ricolfi, è stato in questi anni un fatto oggettivo, ma un conto è tentare di mitigarne l’utilizzo, un altro è il cappio, l’odiosa consegna del silenzio, il silenziatore da applicare con severa inflessibilità a chi disturba le manovre tanto bipartisan quanto prive di confini spaziali (da Napoli a Sesto, differenze zero).

Che la cultura liberale di questo centrodestra si sia indecorosamente liquefatta tra canottiere, sigari e party da college, appare abbastanza evidente, ma che si voglia infierire erigendo l’anti-liberalismo a vessillo, è più che altro un favore che si sta rendendo alla controparte politica.

Una volta i partiti avevano le identità culturali, dei pantheon di autori, delle fonti perenni di ispirazione: Gaetano Filangieri, il più grande illuminista napoletano, ad esempio, è uno di quei riferimenti cui una vera forza liberale e democratica dovrebbe rivolgersi, senza esitazioni.

E’ proprio Filangieri a spiegarci qual è il vero obbiettivo che si cela dietro la legge all’esame del Parlamento, dietro il sughero con il quale si vuole tappare la libertà di raccontare, in Italia: zittire cioè quel “tribunale invisibile, che in ciascheduna nazione moderna, agisce di continuo, e che è più forte de’magistrati,de’ministri e dei re: l’opinione pubblica”. La gente, secondo il nostro corregionale Filangieri, pensa e diventa potente, più potente dei potenti che, ergo, si stizziscono.

Ma, nocciolo del discorso, perchè questo invisibile,decisivo tribunale si attivi occorre un “piccolo, grande” mezzo: ” questo mezzo –  decreta Filangieri – è la libertà di stampa: il legislatore non dee trascurarla, ma dee stabilirla, proteggerla. L’interesse pubblico lo richiede”. Ma se si esagera, si scantona, se si passano i limiti come accade, non di rado, in Italia? La risposta è sempre di questo illustre campano: ” L’errore manifesto incontra sempre la pubblica disapprovazione e la pubblicazione istessa dell’errore, dunque, è il miglior rimedio contro le seduzioni dell’errore.”

Quando la si spara troppo grossa, quando si eccede, lo capiscono tutti e l’ingiuria si tramuta in un boomerang: lo sapeva bene, una volta quando era davvero un acuto ed astuto stratega, Berlusconi che ha stravinto elezioni prima delle quali gli avevano indirizzato strali comici e oratori, intellettuali e pop-star. Lo ha dimenticato. Speriamo che si ricordi di Filangieri, del liberalismo e di molto altro, chi sarà chiamato, al tramonto (vicino) di questa stagione politica, alla inderogabile opera di ricostruzione del dna del centrodestra italiano.


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress