RSS Feed

E’ morto il boss dei Casalesi Vincenzo Schiavone, detto ”o Copertone’

0

ottobre 18, 2011 by admin

Vincenzo Schiavone  (Sanniopress) –  E’ morto la scorsa notte nella sua casa di San Cipriano d’Aversa (Caserta) il boss della camorra casalese Vincenzo Schiavone detto ”o Copertone’.

Il camorrista era malato da molto tempo. Arrivato alla fine dei suoi giorni la magistratura gli ha concesso di morire tra le mura di casa. Fino a pochi giorni prima si trovava in stato di arresto prima in un ospedale cagliaritano e successivamente in un ospedale di Napoli.  

Le scorso 25 aprile Vincenzo Schiavone, latitante da tempo era stato arrestato mentre si trovava in una clinica situata nell’avellinese. Lo avevano ammanettato gli agenti della squadra mobile di Caserta e di Avellino.

Vincenzo Schiavone, 37 anni, era considerato il cassiere dei Casalesi il più temibile e sanguinario clan della Camorra campana. Schiavone era ritenuto uno dei cento latitanti più pericolosi. Nel 2005, quando fu arrestato dalla polizia era stato trovato in possesso di un elenco di nomi di appartenenti al clan dei Casalesi. Le successive indagini consentirono di arrestare 103 presunti appartenenti alla cosca di Casal di Principe. Con la sua morte il clan perde un pezzo importante che aggrava la situazione della cosca dopo le decine di arresti di pezzi eccellenti appartenenti ai Casalesi. Il camorrista era malato da molto tempo. Arrivato alla fine dei suoi giorni la magistratura gli ha concesso di morire tra le mura di casa. Fino a pochi giorni prima si trovava in stato di arresto prima in un ospedale cagliaritano e successivamente in un ospedale di Napoli.

Le scorso 25 aprile Vincenzo Schiavone, latitante da tempo era stato arrestato mentre si trovava in una clinica situata nell’avellinese. Lo avevano ammanettato gli agenti della squadra mobile di Caserta e di Avellino.

Vincenzo Schiavone, 37 anni, era considerato il cassiere dei Casalesi il più temibile e sanguinario clan della Camorra campana. Schiavone era ritenuto uno dei cento latitanti più pericolosi. Nel 2005, quando fu arrestato dalla polizia era stato trovato in possesso di un elenco di nomi di appartenenti al clan dei Casalesi. Le successive indagini consentirono di arrestare 103 presunti appartenenti alla cosca di Casal di Principe. Con la sua morte il clan perde un pezzo importante che aggrava la situazione della cosca dopo le decine di arresti di pezzi eccellenti appartenenti ai Casalesi.

FONTE: ADNKRONOS


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress