RSS Feed

L’EDITORIALE | Benevento o Catanzaro? Forse andrebbe bene Potenza…

0

ottobre 27, 2011 by admin

di Giancristiano Desiderio

(Sanniopress) – Dunque, Benevento o Catanzaro? La scuola di magistratura spetta al Sannio e alla città dell’ex ministro della Giustizia, Clemente Mastella, o alla città calabrese, terra dell’attuale responsabile di via Arenula, Francesco Nitto Palma? La disputa tra le due città sembra essere una Grande Metafora del Sud: la sede di una Scuola dove si insegna il diritto e il senso della giustizia invece di essere scelta in base a criteri giusti è fatta ingiustamente dipendere dal “campanile” del ministro della Giustizia. Così, da una parte ci sono i sanniti che, stando alle dichiarazioni di Mastella ma anche del presidente della Provincia, Aniello Cimitile, dicono “Catanzaro delenda est” e sono pronti a iniziare delle nuove guerre sannite.

Dall’altra parte, ci sono i calabresi, gente tosta, che non indietreggia di un palmo e per bocca di Michele Tucci, dei giovani del Pdl di Catanzaro, non le manda a dire: “Ricordiamo all’onorevole Mastella che la “restituzione” della Scuola di Magistratura a Catanzaro, dopo che era stata “scippata” in favore della città di Benevento, è stata sancita da una sentenza del Tar Lazio a seguito del ricorso proposto in primis dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro”. Dunque, Catanzaro o Benevento?

La verità è che la scuola di magistratura, con decreto interministeriale del 26 aprile 2006, era stata destinata a Catanzaro ma Mastella, una volta diventato ministro della Giustizia, decise subito con decreto del 30 novembre 2006 di spostarla nella sua città. Da quel momento tutti i politici beneventani, che a parole sono sempre anti-mastelliani, incontrando il tabù  – il presunto interesse di Benevento –  si sono dimostrati più mastelliani di Mastella. Ieri, ad esempio, il presidente Cimitile, proprio su queste pagine, ha raggiunto il massimo del paradosso quando ha scritto: “La cancellazione dell’insediamento a Benevento della scuola sarebbe un atto di straordinaria ingiustizia”. Quindi per Cimitile il ritorno della scuola a Catanzaro, come stabilito dal tribunale amministrativo, non è il riconoscimento della palese ingiustizia commessa dal ministro della Giustizia Mastella bensì, al contrario, sarebbe un “atto di straordinaria ingiustizia”. Come si vede, Cimitile è più mastelliano di Mastella, quest’ultimo, infatti, quanto meno è il legittimo titolare del marchio, mentre il presidente della Provincia dovrebbe riconoscere, per mero senso della verità, che fin dall’origine le scuole di magistratura furono così distribuite: Bergamo, Firenze, Catanzaro.

Tuttavia, è pur vero che dopo Mastella venne il ministro Alfano, il quale avrebbe potuto subito riparare al torto subito e invece decise di confermare la scelta del ministro del governo Prodi. Così è stato fatto un accordo tra ministero, comune, provincia e università di Benevento e si era deciso di allocare la scuola di magistratura nell’ex caserma Guidoni. Però, ora che al siciliano Alfano è subentrato il calabrese Nitto Palma, la scuola, in forza della sentenza del Tar, fa ritorno a Catanzaro anche se a Benevento è (quasi) tutto pronto. Come se ne esce? Ci vorrebbe una città “terza”, magari equidistante tra Campania e Calabria. Andrebbe bene Potenza, ma bisognerà attendere che il ministro della Giustizia sia almeno lucano.

(tratto dal “Corriere del Mezzogiorno”)

 

http://giancristianodesiderio.wordpress.com


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress