RSS Feed

La portavoce sannita di Maroni: “Lo seguirò anche nella cattiva sorte”

0

novembre 14, 2011 by admin

(Sanniopress) – Chi dice “addio” e chi “arrivederci a presto” e chi magari non si lascia affatto. Con i ministri del governo dimissionario, finisce una stagione o quanto meno una parentesi lavorativa anche per i loro portavoce, che l’Adnkronos ha sentito nell’ultimo giorno di attivita’, fra scrivanie da liberare e scatoloni da chiudere, saluti e brindisi. In tutti prevale uno stato
d’animo misto di soddisfazione per il lavoro fatto e di dispiacere per aver interrotto, piu’ o meno bruscamente, un’esperienza professionale e anche umana.

“Dispiace, e’ inutile nasconderlo: sto cercando di gestire l’impatto emotivo – confessa Isabella Votino, portavoce del ministro dell’Interno Roberto Maroni – Per il dopo non devo preoccuparmi, perche’ continuero’ a seguire Maroni nel suo impegno in Parlamento e nella Lega. Il mio ruolo non si esaurisce con la funzione: lo seguiro’, come si dice, nella buona come nella cattiva sorte. Ma anche se non e’ piu’ ministro, restera’ comunque un uomo di primo piano della politica nazionale. E ho la netta impressione che si lavorera’ non meno ma addirittura piu’ di prima, non avendo piu’ il conforto di una comunicazione istituzionale. Cambiera’ il tipo di lavoro, ma certo non la sua mole.

Per Votino, “sono stati tre anni e mezzo molto intensi. Tra l’altro io avevo solo 28 anni, ero la piu’ giovane portavoce e la prima donna a ricoprire questo incarico al Viminale. Ho trovato grande rispetto e considerazione. Abbiamo sempre lavorato come una squadra, la struttura del Viminale e lo staff del ministro. Il dispiacere piu’ grande e’ che finisca il rapporto quotidiano con tante persone che prima incontravi per lavoro ogni giorno. Ci siamo salutati con commozione e anche quelche lacrimuccia. Vuol dire che qualcosa in questi anni si e’ seminato e si e’ anche raccolto.La gavetta mi ha aiutata nell’avere la giusta determinazione”.

Meridionale di Benevento, portavoce di un ministro leghista di Varese: una difficolta’ in piu’ da superare? “No, assolutamente -replica Isabella – Lui mi ha sempre detto che questo non conta nulla, contano solo le capacita’ e le motivazioni”. Quanto ai ricordi, “quelli che si affollano nella mia mente in questo momento sono davvero tanti, siamo stati spesso in prima linea, anche mediaticamente. Se devo scegliere una foto, direi quella della cattura del boss latitante della camorra Antonio Iovine del clan dei Casalesi, dopo le polemiche con Saviano e l’elenco recitato nel programma di Fazio. E poi i viaggi nel Maghreb per gli accordi contro l’immigrazione clandestina”.

FONTE: ADNKRONOS


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress