RSS Feed

Sequestro dei beni per un 57enne ritenuto affiliato al clan Pagnozzi

0

novembre 16, 2011 by admin

(Sanniopress) –  I Carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita hanno eseguito stamani ad Apice un’ordinanza di sequestro e confisca dei beni nei confronti di Giuseppe Ciotta, ritenuto dagli inquirenti affiliato al clan Pagnozzi e di recente già destinatario di altri due analoghi provvedimenti. Ciotta è, tra l’altro, anche sottoposto alla misura di prevenzione dell’obbligo di soggiorno. Il provvedimento odierno trae spunto da ulteriori accertamenti eseguiti dai militari congiuntamente all’amministratore nominato dal Tribunale dai quali emerge che una delle ditte già poste in sequestro aveva ceduto ad altra società l’intero complesso aziendale (infrastrutture) e beni strumentali (mezzi meccanici) pochi giorni prima dell´operazione dello scorso 11 di luglio per un valore puramente fittizio ma che da una prima stima si aggirerebbe attorno ai 350mila euro. L’azienda, che opera nel settore edilizio, ha sede ad Apice.

“Il primo sequestro – si legge nella nota diramata dai Carabinieri – era stato effettuato d l’11 luglio scorso sempre su un analogo decreto emesso dal Tribunale di Benevento, su proposta della locale Procura. L’inizio degli accertamenti era scaturito a seguito dell’acquisizione di una cava sita a Morcone (località Colle Alto) avvenuta nell’ottobre del 2007, nel corso di un’asta fallimentare presso il Tribunale di Benevento, da parte dell’ex moglie di Ciotta, titolare di un’impresa, per un importo di 480.500 euro. L’area in questione, nel novembre del 2007, venne inizialmente individuata, dal commissario straordinario per l’emergenza dei rifiuti in Campania, per lo stoccaggio di ecoballe e successivamente, nel gennaio 2008, anche a seguito di una manifestazione di protesta nella quale presero parte circa 5.000 mila persone, con pullman, autocarri, e mezzi agricoli, provenienti, non solo della provincia sannita, ma anche della limitrofa regione Molise, fu ritenuta non adeguata dal punto di vista ambientale e quindi venne utilizzata per attività di frantumazione di inerti. Le indagini patrimoniali portarono alla luce che nonostante Ciotta ed i suoi familiari avessero dichiarato una capacità reddituale quasi inconsistente, a mala pena sufficiente a far fronte alle esigenze primarie del nucleo familiare, erano invece intestatari di un patrimonio stimato intorno agli 11 milioni di euro, comprendentenumerosi terreni agricoli, appartamenti ed aziende ubicate fra le province di Benevento e Avellino, nonché svariate somme di denaro depositate presso gli istituti di credito e postali sul territorio nazionale acquisiti, nel corso degli anni, attraverso la commissione di attività delittuose contro il patrimonio e la persona”.

 


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress