RSS Feed

L’INTERVENTO | Libertà di pensiero e (becera) violenza

1

dicembre 2, 2011 by admin

di Matteo Mazzocca*

(Sanniopress) – “Non condivido le tue idee, ma lotterò fino alla morte per il tuo diritto ad esprimerle”, diceva Voltaire più di duecento anni fa. L’illuminista francese, con questa frase, anticipava quello che poi sarebbe diventato uno degli articoli fondamentali di tutte le costituzioni di qualunque stato libero e civile, cioè quello in cui si sancisce come un diritto inalienabile la libertà di pensiero, di parola e di stampa. Ovviamente tra i paesi che osservano tale diritto figura, e non potrebbe essere altrimenti, l’Italia.

Questa premessa era necessaria per la comprensione di ciò che mi accingo a scrivere. In seguito al mio articolo apparso all’incirca una settimana fa su alcuni organi di informazione sanniti, nel quale esponevo le mie idee riguardo l’inutilità delle occupazioni e prendevo una forte posizione contro di esse e contro chi le guida, le incoraggia e le compie, mi sono trovato a dover fronteggiare un qualcosa che non avevo neanche lontanamente preso in considerazione. Ero certo del fatto che avrei ricevuto delle critiche, delle opposizioni da parte di chi la pensava in maniera differente da me. Nessuno, a mio avviso, è depositario di una verità assoluta, da poter declamare da una posizione onnisciente e inconfutabile.

Le mie argomentazioni, invece, non sono state né commentate né osteggiate da qualcuno; si è pensato bene di mirare direttamente a colui le aveva prodotte. Martedì scorso sono stato costretto a prendere atto di quanto il demone dell’ignoranza sia potente: si impossessa delle anime e dei corpi dei più deboli, impossibile da esorcizzare, e forma una coppia terribile con quello della violenza. Determinati personaggi, di dubbia moralità e razionalità, hanno pensato bene di tendermi un agguato in puro stile anni ’70. È stato per una serie di casi fortuiti (e fortunati) e grazie all’aiuto fondamentale di più di una persona se sono riuscito ad eludere l’agguato di tali presuntuosi gorilla, i quali avevano condotto contro di me, che non sono di certo un Sansone, persino un mastino. In sintesi, mi sono visto costretto a fuggire, nel vero senso della parola, dalla mia scuola, e ho convissuto per più di un giorno con una sensazione di terrore indicibile. Ho preso, naturalmente, le mie precauzioni e cautele, e sono stato fortemente rincuorato dalla vicinanza e dalla solidarietà, anche materiale, di numerose persone che ringrazio vivamente

Mi chiedo se tutto ciò sia possibile, mi chiedo se sia concepibile che nelle strade della nostra città si aggiri ancora qualcuno che vorrebbe abolire e reprimere brutalmente la libertà di esprimere in modo civile e democratico le proprie opinioni. La risposta a tali domande non può che essere assolutamente negativa. Nel microcosmo beneventano, purtroppo, non siamo ancora stati capaci di estromettere dalla vita societaria chi sa far prevalere le proprie idee solo con la forza della violenza, chi non è disposto ad aprire un dialogo, un confronto, e si sente potente nascosto dietro le sue minacce, le quali, per perbenismo e per uno strano concetto di “politically correct”, tutti ci guardiamo bene dal denunciare pubblicamente. L’ipocrisia di questi soggetti, tra l’altro, raggiunge livelli astronomici nel momento in cui scendono in piazza e “lottano” contro uno Stato che, a loro avviso, non garantisce le libertà fondamentali all’individuo. Quando poi sono i primi che vorrebbero creare un’oligarchia di pensiero, di parola, di azione.

Concludo affermando la mia netta condanna della violenza, in qualunque situazione, ricacciando in gola le offese ricevute ai signori “de quibus sopra diximus” e pensando che, senza un dialogo pacato e civile, condotto dalle oggettive norme di rispetto dell’opinione altrui, non si sarebbe mai potuto giungere ai tipi di società nelle quali, per fortuna, ci ritroviamo a vivere.

* rappresentante d’istituto del Liceo Classico “P. Giannone”

————————————–

A Matteo va ovviamente la nostra convinta solidarietà e, soprattutto, l’ammirazione per la sua coraggiosa libertà di pensiero. Le idee si possono condividere o meno ma la violenza becera va sempre condannata e isolata, denotando tra l’altro l’assoluta incapacità a confrontarsi, oltre che una drammatica assenza di argomentazioni.  Miserie umane, insomma, che lasciano l’amaro in bocca. Tanto amaro, soprattutto se provengono da una generazione su cui fondiamo la speranza di un’Italia migliore. (billy nuzzolillo)


1 comment »

  1. Simone Aversano ha detto:

    Matteo, onore al tuo coraggio e alla tua determinazione. Vai avanti senza tentennamenti, certe persone si dànno torto da sole con il loro stesso modo di agire.

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress