RSS Feed

L’INTERVENTO | Noi imprenditori, traditi dallo Stato

0

gennaio 16, 2012 by admin

di Pietro Di Lorenzo *

(Sanniopress) – Tra gli imprenditori e lo Stato chi ha tradito? Molti giornali e organi di informazione dedicano ampio spazio agli imprenditori, alle loro storie, spesso dolorose e strappalacrime; riempiono pagine di quotidiani e contribuiscono ad  aumentare l’indice di ascolto di trasmissioni televisive. Il massimo di “audience” si raggiunge quando c’è il suicidio dell’imprenditore. Giornalisti scatenati documentano tutto quello che è accaduto. Ma le storie sono quasi sempre le stesse. E così finiscono successivamente nelle pagine interne, nei servizi televisivi notturni e comunque nel dimenticatoio. A chi vuoi che interessi la fine di un imprenditore che magari ha sfruttato gli operai, ha lucrato su finanziamenti facili? E magari  è anche fallito dopo essere stato protestato?

Eppure in questa Italia che rischia di pagare un conto troppo salato e di sacrificarsi senza far pagare i veri colpevoli del disastro economico, qualcosa si può ancora fare. A patto che si cominci davvero dal basso, o come si dice dal “territorio”. La vera sfida parte dalla piccola impresa, che con estrema lucidità deve valutare la propria possibilità di sopravvivenza. In particolare, il settore manifatturiero deve guardare in faccia la realtà produttiva ed economica. E’ inutile farsi illusione. Lo Stato che apre le porte alla piccola impresa, creando infrastrutture e servizi per consentire all’azienda di svilupparsi e crescere, forse non è mai esistito.Lo sappiamo bene in Campania e soprattutto nel Sannio.

Il direttore di banca che vi chiama per proporvi fidi e prestiti a  condizioni favorevoli è soltanto un sogno. Oggi dalla banca vi chiama la segretaria del direttore che vi chiede perentoriamente di rientrare nel fido o vi annuncia che il vostro assegno (impagato) sarà avviato al protesto! Oppure vi chiama direttamente il notaio: siete anche voi iscritti all’allegra brigata dei protestati!

Inutile domandarsi: “se per l’operaio licenziato c’è la cassa integrazione perché per l’imprenditore fallito non c’è niente?” Ci sentiamo traditi da questo Stato,  che ha pagato nell’anno 2010 ben 1.203.638.249 ore di cassa integrazione, pari a 150.474.781 giornate lavorative! Ma uno Stato che paga oltre 19 miliardi di euro per non
lavorare che Stato è?

* coordinatore campano di Impresecheresistono

 

 


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress