RSS Feed

L’EDITORIALE | La neve nel Sannio e il mito della sicurezza totale

0

febbraio 5, 2012 by admin

di Giancristiano Desiderio

(Sanniopress) – La letteratura arriva dove non arrivano né la politica né la scienza. Franco Matteucci solo qualche anno fa nel romanzo Il profumo della neve  – fu anche a Benevento per presentarlo perché faceva parte dei libri in gara per il Premio Strega –  immaginava una Roma completamente imbiancata dalla neve, tanto che nel suo racconto diventato realtà è possibile sciare da Piazza della Repubblica fino a via della Conciliazione e arrivare in Vaticano sugli sci attraversando a zig-zag via Nazionale, Piazza Venezia, via del Plebisicito, Torre Argentina, Corso Vittorio Emanuele, scavalcare con un salto il Lungotevere e approdare, appunto, al di là del Tevere. La Protezione civile, allertando il Campidoglio, prevedeva 30-35 millimetri di neve. Il romanziere invece immaginando l’irreale ha trovato la realtà e ha visto una Roma sotto la neve trasformata in una pista da sci da favola. Qualcosa del genere è accaduto anche a Benevento dove si poteva sciare scendendo per viale Atlantici, Piazza Castello, Corso Garibaldi, Piazza Duomo. Una Benevento irreale, almeno a memoria d’uomo  – e il particolare non è irrilevante, anzi –  diventata reale con una nevicata annunciata ma non prevista nelle sue effettive dimensioni. Chi, del resto, può farlo?

Quando passeranno i giorni del Grande Freddo si dovrà fare un bilancio: la preparazione, le emergenze, gli interventi, i tempi. Sarà bene fare un bilancio veritiero, non per incolpare ma per capire come ce la siamo cavata, cosa abbiamo imparato e come possiamo migliorare. Ho l’impressione, e al momento altro non posso avere, che al di là di qualche situazione critica le cose stiano andando bene. Si sta parlando  – è bene tenerlo presente –  di un’emergenza nazionale  – come al solito –  in cui ci sono già sei morti. Billy Nuzzolillo qui a fianco sottolinea alcuni aspetti importanti e tra questi quelli dell’informazione. Per una volta possiamo dirlo con un giustificato orgoglio: ciò che ha funzionato meglio è stato il sistema dell’informazione che  – altro elemento importante –  è un misto di giornali on line, blog e social network. Volendo dirlo con una formula possiamo dire che la comunità virtuale si è trasformata in una comunità reale che ha fornito informazioni, comunicazioni, riscontri, aggiornamenti che sono stati utili a monitorare il territorio.

Proprio leggendo, informandomi, osservando, ascoltando mi sono imbattuto nel solito mito che produce la modernità: la sicurezza e l’organizzazione totale. Basandoci sui mezzi della tecnica e della scienza  – che uniti danno corpo alla tecno scienza –  riteniamo che tutto sia pre-vedibile e controllabile. E siccome riteniamo che il pre-vedibile e il controllabile siano “fatti reali”, quando ci imbattiamo nella realtà che è fatta proprio per smentire le nostre pre-visioni e i nostri controlli, invochiamo il pronto intervento, denunciamo le inefficienze, le inadempienze, la disorganizzazione. Non nego le inefficienze e le inadempienze, che vanno valutate caso per caso e pesate, ma ora mi preme sottolineare l’altro aspetto della questione: la sicurezza totale non esiste e siamo noi  – la scienza, l’informazione, la televisione, anche la politica, certo –  che la facciamo esistere per due motivi: per un bisogno innato di sentirci al sicuro e per uno sgravio di responsabilità. Se esiste un “sistema di sicurezza” necessario e infallibile è chiaro che “noi” non solo siamo salvi ma siamo anche non-responsabili. Possiamo definire il mito della sicurezza totale come un effetto collaterale dello stesso sistema dell’informazione in “tempo reale”.

In fondo, se ci facciamo caso è proprio il “mondo dell’informazione” che crea e distrugge il mito della sicurezza. Dov’è, infatti, che esiste la sicurezza totale? Solo nei regimi in cui non c’è l’informazione ma la propaganda. I regimi illiberali sono i più sicuri perché sono i meno informati. Qui tutto va bene perché niente va male ossia il male è cancellato dal potere incontrollato che controlla tutto: fatti, coscienze, verità, paure. Nei regimi liberi i fatti, le coscienze, le verità, le paure sono libere, sono libere anche di creare e distruggere il mito della sicurezza totale.


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress