RSS Feed

LA REPLICA | Videosorveglianza dell’Arco, Altrabenevento rilancia

0

aprile 15, 2012 by admin

(Sanniopress) – Riceviamo dal presidente di Altrabenevento, Gabriele Corona, e pubblichiamo di seguito una replica alla società Kes relativamente  all’intervento che abbiamo messo online  l’altro giorno:

“L’ing. Carlo Perugini, responsabile di Progetto della KES- Knowledge Environment Security Srl, è intervenuto per spiegare il mancato funzionamento del complesso sistema di videosorveglianza intelligente dell’Arco di Traiano e per ringraziare Altrabenevento per la pubblicità fatta con le finte martellate al monumento.

In verità egli si limita a spiegare la filosofia del progetto, che avevamo già letto sul sito www.kesitaly.it  prima che fosse bloccato da un virus, ma non dice perchè il sistema si limita a registrare le immagini e  non riesce ad identificare i comportamenti sospetti che potrebbero arrecare danni all’Arco ed inviare, in automatico, l’allarme alle forze dell’ordine con telefonate ed email. Questo però è l’aspetto centrale della discussione perchè se si trattasse di un semplice sistema di videosorvegliaza che trasmettere immagini su uno schermo e le registra, non costerebbe 973.000 euro e non avrebbe avuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica un finanziamento di €516.000 pari da un miliardo delle vecchie lire, e cioè il massimo previsto dal Decreto Ministeriale MIUR dell’8 agosto 2000 n. 593.

Il Protocollo di Intesa firmato il 15 marzo 2010 tra il sindaco di Benevento, Fausto Pepe e il prof. Edmondo Gnerre, socio di KES, prevedeva, tra l’altro che la società avrebbe immediatamente gestito “gratuitamente per la durata di anni due, il monitoraggio delle informazioni ricevute provvedendo a inviarle agli enti istituzionalmente preposti e attivando, in caso di minaccia al bene, le procedure di allarme previste dal sistema”.  Evidentemente, la “sperimentazione” cioè la fase di identificazione e memorizzazione nel sistema dei comportamenti minacciosi da segnalare, doveva essere già stata effettuata.  Infatti, la KES si è costituita a ottobre del 2008, ha subito ricevuto dal Ministero €258.000 pari alla metà del contributo assegnato ed ha acquistato da una società israeliana il software per la videosorveglianza intelligente dei siti sensibili ad attacchi terroristici.

Poi che è successo? La KES, dopo più di un anno, non è riuscita a tarare il sistema per identificare le minacce all’Arco di Traiano, aperto alla frequentazione del pubblico?  Oppure il sistema di telecamere non è adeguato?

A quanto ci risulta, ad esempio, KES ha registrato a Natale scorso l’atto vandalico ai danni del presepe, ma dalle immagini non si distingue il soggetto, forse perchè era buio e le telecamere non sono a raggi infrarossi. In verità, anche lo scorso 9 aprile, alle dieci del mattino e quindi in pieno giorno, il complesso sistema di KES fatto di telecamere e sensori, ha registrato un “individuo che ha tentato di colpire due volte l’Arco di Traiano con un oggetto estratto da una busta” e invece si trattava di un martello estratto dalla tasca interna del giaccone e non di una innocua “costa di sedano” estratta dalla busta del verdumaio.

Evidentemente il complesso e costoso sistema di videosorveglianza antiterroristico dell’Arco di Traiano ha bisogno di una regolata. Intanto, considerato che nella KES e nelle sue società partecipate figurano ben cinque professori universitari tutti esperti di informatica, qualcuno potrebbe risolvere il problema del sito www.kesitaly.it che è bloccato da quando abbiamo fatto finta di martellare l’Arco di Traiano? Compare infatti una mascherita che annuncia minacciosa “Sito malevolo che cerca di installare software in grado di  sottrarre le informazioni personali degli utenti, sfruttare il computer per danneggiare altre macchine o semplicemente danneggiare il sistema”.

Sulla partecipazione dell’Università alla Knowledge Environment Security Srl e sulle complesse relazioni tra i professori universitari e le società in Spin-off dell’ateneo sannita, alle quali fa riferimento l’ing. Perugini, torneremo prossimamente, così continueremo a fare la pubblicità tanto gradita alla KES”.


0 comments »

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. Ha diretto Il Sannio, è stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente e notista politico di Liberal. Scrive per il Corriere della Sera e Il Giornale.
     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress