RSS Feed

IL CASO | Il ticket del pronto soccorso? Si paga ad Equitalia

6

maggio 22, 2012 by admin

(Sanniopress) – Il ticket per il pronto soccorso? Si paga ad Equitalia, che ti invia l’ingiunzione di pagamento a casa. Magari dopo qualche anno. A segnalarci il caso è Pinuccio Fappiano, che racconta: “Porto mio figlio al pronto soccorso all’ospedale Rummo. Entro e vado al gabbiotto dove ci sono tre persone. Spiego che è un pronto soccorso poichè mi figlio, in allenamento, aveva avuto un incidente. Mi indicano dove andare e mi avvio, aspetto il mio turno. Mio figlio viene visitato e il medico e mi dice “E’ solo una contusione”. Un cosiddetto “codice bianco”, insomma. Non mi rilascia alcun referto o documento. Chiedo se devo pagare e lui mi dice di ritornare al gabbiotto dove chiedo, appunto, di pagare l’eventuale ticket. Mi spiegano che mi avrebbero spedito bollettino di pagamento a casa”.

Trascorre un po’ di tempo e l’episodio finisce nel dimenticatoio. Poi, nei giorni scorsi arriva al figlio di 16 anni l’ingiunzione di pagamento da parte di Equitalia.
“Sono rimasto allibito – spiega ancora Pinuccio Fappiano – perchè non credo sia possibile mandare un’ingiunzione di pagamento ad un ragazzo di 16 anni. Tra l’altro, sul sito dell’ospedale Rummo non sono riuscito nemmeno a trovare il tariffario del ticket riferito alle singole prestazioni erogate dall’azienda. Questa cosa proprio non la capisco”.
Il caso non è isolato, come si può evincere dai numerosi post apparsi in questi giorni su Facebook. A quanto pare, però, l’ingiunzione inviata da Equitalia non presenta maggiorazioni rispetto alla somma inizialmente prevista per il pagamento del ticket. Resta, però, l’anomalia dell’invio dell’ingiunzione di pagamento da parte di Equitalia anziché il recapito di un semplice bollettino di pagamento da parte dell’azienda ospedaliera.

 


6 comments »

  1. silvia260505 ha detto:

    La stessa cosa è successa anche a noi. la settimana scorsa è arrivato un avviso di pagamento relativo a ticket di pronto soccorso, eppure in ospedale avevo chiesto di pagare ma mi dissero di non farlo. Vergognoso! Maria Rossi di Ceppaloni

  2. ilsannita ha detto:

    Io penso sia giusto. Se è stabilito che i codici bianchi devono pagare il ticket che siano fatti pagare. Non vi è nessuna maggiorazione, viene richiesto l’importo da pagare.
    Nel metodo si può discutere, ma l’importo dovuto deve essere pagato altrimenti ci saranno sempre i furbi.

  3. Pinuccio Fappiano ha detto:

    Da notizie raccolte, pare che il Rummo, per prassi, faccia pagare i tiket sanitari attravesro Equitalia. Il problema è che non è stato avvisato nessuno, che ai numeri esposti sull’ingiunzione di pagamento di equitalia non risponde mai nessuno nè risponde mai nessuno all’URP dell’ospedale che, pure è specificato sulla bolletta Equitalia. Poi mica posso scalare la bolletta Equitalia come tiket sanitario dalla dichiarazioen dei redditi. Insomma, altri 9 euro buttati. La bolletta mi è costata 59 euro. Alla fine di tutto incentivano i cittadini ad andare dai privati (ma forse il senso vero di tutto è proprio questo)
    E poi dice che uno non ha fiducia nella pubblica amministrazione e nelle istituzioni. Che cavolo li metteet a fare i numeri di telefono se poi non risponde mai nessuno? E poi dice che uno si incazza. Anche io lavoro nella pubblica amministrazione ma rispondo sempre al telefono e sono sempre a disposizione di chiunque.

  4. Monica Esposito ha detto:

    A me invece è capitato di peggio!!! Che sono stata anche ricoverata e dimessa il pomeriggio successivo….come fa un’emorragia a risultare codice bianco???

  5. enrico caravaggio ha detto:

    Vorrei sapere se si spiega solo tramite codice l’identità della visita oppure mandano pure il motivo per il quale si decide di andare al pronto soccorso …

  6. enrico caravaggio ha detto:

    mio nipote si è sentito male ed era un po brillo ma ha avuto solo un’attacco d’ansia niente più,ora teme che con questo bollettino i suoi genitori vengano a sapere anche che avesse bevuto un po,se potete fatemi sapere cosi lo tranquillizzo…è solo una bravata poverino

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. Ha diretto Il Sannio, è stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente e notista politico di Liberal. Scrive per il Corriere della Sera e Il Giornale.
     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress