RSS Feed

#Benevento| Ferita a morte

0

marzo 12, 2016 by giancristiano

di Giancristiano Desiderio

Antonio Pietrantonio è tuttora l’espressione più alta della politica culturale di Benevento. La stagione di Pasquale Viespoli – con Marisa Capobianco, Nazareno Orlando, quindi Sandro D’Alessandro sindaco – ebbe il merito di ereditare un’intuizione e darle un progetto. Il resto, per dirla con Enzo Striano, è niente.

Il decennio della sinistra al potere al comune di Benevento è contrassegnata dal totale fallimento. L’ho detto e documentato più volte: il potere del Pd – peraltro pervasivo e settario – si è rivelato ben presto inutile e alla lunga dannoso. Fallimento non è un modo di dire per dire che non ci sono stati risultati. Magari fosse così, almeno si sarebbe conservato. Qui “fallimento” lo si usa in senso tecnico e particolare: le finanze comunali sono fallite, l’azienda di trasporti è fallita, gli interventi urbanistici sono falliti. Dunque, totale fallimento. Tuttavia, a questa bancarotta va aggiunto il fiasco più clamoroso per la maestra sinistra al potere: la cultura, appunto.

Ora che ci si prepara al nuovo voto e il Pd prende le distanze dalla sua amministrazione ancora in carica e candida a sindaco il vicesindaco è giusto che qualcuno lo dica e visto che nessuno lo dice lo dirò io: il Pd in dieci anni ha distrutto quanto gli altri avevano costruito in trenta o quarant’anni. Faticosamente, ma con un convincimento via via confortato dai risultati, Benevento aveva disegnato di se stessa un profilo culturale non più retorico ma collaborante e fattivo. Potrà apparir strano ma è storia: la destra ha creato una politica culturale – in alcuni casi anche cultura – e la sinistra ha distrutto. Con Pietrantonio fu concepita e concretizzata la svolta dell’idea della città spettacolo e della cultura, con Viespoli si rafforzò un progetto che aveva l’ambizione di radicarsi nel lavoro teatrale, con il decennio Pepe-Del Vecchio prima è iniziato il declino, poi è subentrato il deserto. Città Spettacolo è stata da subito ridimensionata e sacrificata sull’altare degli interessi di partito ed è stata sottoposta alla subalternità al Pd napoletano prima che a Napoli e oggi è ridotta a uno spettacolino dei pupi. La città del teatro è diventata la città dei teatri chiusi. Le compagnie teatrali e musicali – apprezzate e valorizzante dal cameragno Orlando – si sono ritirate a vita privata e menano vita grama mentre il Pd di Del Vecchio ce le ha menate per mesi e anni con la menata del riconoscimento Unesco.

Non voglio aprire un dibattito, per carità. Ma coloro che a Benevento lavorano, operano, scrivono, recitano, predicano si dovrebbero chiedere perché la città è stata ferita a morte dalla sinistra. I nipotini di Pietrantonio – perché alcuni di coloro che hanno malversato e mal governato per un decennio perduto sono i nipotini ingrati del sindaco democristiano – si sono presentati al piccolo mondo antico beneventano con il ditino alzato e con la puzzetta sotto al naso come se con loro a Benevento finalmente fosse arrivato il giorno mentre faceva notte innanzi sera.


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress