RSS Feed

#Gourman | Lo slow food di Antonio & Antonio

0

marzo 26, 2016 by admin

di Antonio Medici

Nell’era della sovrabbondanza di informazioni, del moltiplicarsi delle guide in tutti i formati possibili, dei commenti di avventori improvvisati critici, sembra che per mangiar bene sia necessario scoprire tavole nascoste al termine di percorsi tortuosi. Si tratta di ansia da prestazione: ciascuno aspira ad essere latore di un’esperienza (nello slang trendy questo vocabolo traduce l’aver mangiato a ristorante) fantastica in un qualche angolo misconosciuto della terra o dell’entroterra inteso e anche frainteso come campagna dietro casa, giardino di tesori nascosti, in realtà cianfrusaglie gastronomiche di terzo e quarto ordine. È un effetto collaterale del gastrofighismo del masterchef.

Anche i luoghi comuni più diffusi giocano la loro partita, uno dei più intramontabili è “non bisogna mangiare nei posti per turisti” ossia quei ristoranti che, probabilmente con alti costi e gran fatica, affollano zone centrali o panoramiche di zone ad alto tasso di frequentazione turistica.

Beh, spesso è vero. Spesso, appunto. Spesso, però, si mangia male anche nelle campagne genuine, nelle sale di smanettoni di forni a microonde che si spacciano per trattorie tipiche.  Occorre, insomma, saper distinguere senza farsi prendere da quella smania di ricerca che finisce col far rimaner ciechi o distratti rispetto a piccole opportunità di star bene a tavola che si palesano agli occhi.

Lungo via Partenope, ad esempio, Antonio & Antonio è un ristorante che ha superato la maggiore età (quasi vent’anni di attività) e che offre una cucina onesta in uno scenario d’incanto di cui fanno parte a pieno titolo i gestori.

Gli Antonio sono eclettici e simpatici senza sconfinare nell’invadenza, assistono nella scelta delle pietanze, offrono disponibilità, competenza e simpatia.

La frittellina di baccalà mantecato non è un piatto da grande chef ma è perfetta per deliziare il palato mentre gli occhi restano rapiti dalla magia del golfo e della collina di Posillipo. Il ritmo lento dell’area pedonalizzata offre una sorta di accompagnamento al mangiar calmi per apprezzare sapori, aria, persone, panorama.

Paradossalmente ai tavoli di Antonio & Antonio senza alcuna pretesa di sofisticate alchimie ideologiche o di ingredienti ricercati, seppur ovviamente perfetti, e senza particolari filosofie nella selezione delle pietanze inserite in menù, si pratica lo slow food al suo massimo livello. Un raviolo con ricotta, maggiorana e pomodorino fresco, uno sguardo alla donna elegante, una strizzata d’occhio al panorama, una zaffata di aria di mare, una parola simpatica di un Antonio. Si mangia con i giusti tempi e grande piacere. Il palato non è tradito, l’animo è rasserenato, la mente rinfrancata.

 

Antonio & Antonio

Via Partenope, 26 – Napoli

081 245 19 87

 


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress