RSS Feed

#Gourman | Sud Africa

0

luglio 9, 2016 by admin

di Antonio Medici

Sud Africa, paese lontanissimo e certamente non immediatamente associato alla produzione di vino. Qualcuno, al più, immagina quel lontano e colorato paese, ricco di diversità di climi, paesaggi, produzioni, come terra di grandi vitigni internazionali e potenti vini sostanzialmente omologati.

Pur relativamente giovane, invece, la storia enologica e l’attuale produzione sudafricana è alquanto peculiare ed affatto riconducibile agli altri paesi del nuovo mondo. Innanzitutto, piuttosto che gli inglesi, lì sono stati gli olandesi ad avviare la produzione di vino intorno al 1600, portando con le loro potenti compagnie di navigazione le barbatelle sino al Capo di Buona Speranza. I vini, destinati alle flotte di passaggio, sempre più numerose, erano, però, piuttosto sgradevoli. Fu il governatore Simon van der Stel nel 1685 ad avere l’intuizione di affidare ai francesi la cura dei vigneti e della sua cantina, Costantia, che ha segnato la storia vitivinicola del paese.

La vera chicca dei vini sudafricani è, ad ogni modo, il pinotage, un vitigno creato dal professor Pernold nel 1925, nei laboratori dell’università di Stellebosh, dall’incrocio di sua maestà il Pinot Nero ed il vitigno minore francese Cinsault.

La viticultura ha fatto grandi passi da quegli anni ed oggi, addirittura, in alcune zone vengono coltivate piante che hanno la capacità di desalinizzare e riscaldare l’aria fredda e salina che arriva dall’oceano,  affinché arrivi ideale ad accarezzare le vigne.

In una serata condotta da Guido Invernizzi, medico e sommelier piemontese d’anagrafe, campano di temperamento, ambasciatore colto del bere bene, abbiamo degustato, tra gli altri, il Pinotage millesimo 2014 di Diemersfontain. Di colore rubino intenso, vivace con qualche cupezza conferita dal Cinsalut, sentori di frutta matura, morbido al palato, vellutato, profondo con un finale lungo di torrefazione. Davvero una bevuta sorprendente oltre che piacevolissima.

Altresì affatto scontato lo Shiraz in purezza della cantina De Grendel, millesimo 2012. Prodotto da uve allevate in vigne distanti solo 7km dal mare, affinato in legni americani e francesi anche usati, si presenta di colore cupo con naso tipico di frutti rossi ben maturi, confettura, spezie e una spiccata nota balsamica e tostata. In bocca, bella struttura a sostegno di una buona acidità e una giusta morbidezza, per un equilibrio complessivo davvero apprezzabile.

Davvero, per finire, convincente il Morgestern 2003 riserva, taglio bordolese a cura del grande enologo francese Pierre Lurton. Bel colore che va vermiglio al melograno al granato. Struttura opulenta. Naso tipico di “friariello” e tostatura, aromi di cassis, pipa, sentori mentolati, foglia di tabacco. Buona acidità che ribatte alla struttura essenzialmente morbida, come da tipologia, equilibrio impareggiabile.

Vini, tutti, dall’ottimo rapporto qualità prezzo.

Diemersfontain

Pinotage 2014 € 14

http://www.diemersfontein.co.za

 

De Grendel

Shiraz 2012 € 15

http://degrendel.co.za

 

Morgenster

Riserva 2003 – € 30 circa

http://www.morgenster.co.za


0 comments »

Rispondi

L’evento

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress