RSS Feed

#Pontelandolfo1861| Le prove che non fu un eccidio

0

agosto 13, 2017 by giancristiano

di Giancristiano Desiderio

Per capire cosa accadde a Pontelandolfo il 14 agosto 1861 ci si è concentrati sempre sui morti. E se, invece, si prestasse attenzione ai nati? Dalla consultazione dell’archivio della parrocchia del SS. Salvatore emergono dei numeri che finora non sono stati considerati ma che sono decisivi per comprendere come nel paese messo prima a soqquadro dal brigante Cosimo Giordano e poi incendiato dai “piemontesi” la vita riprese a scorrere secondo i suoi ritmi naturali. Da Ferragosto al 31 dicembre del 1861 a Pontelandolfo ci furono cinquantatre neonati che furono registrati nel Libro Parrocchiale dei Battezzati dal 1856 al 1861. Un numero alto che male si sposa con l’eccidio del 14 agosto: evidentemente, le donne incinte o si misero in salvo o furono rispettate dai carabinieri e dai bersaglieri. Il Libro dei Battezzati fornisce anche il dato complessivo dei nati che si può confrontare con quello dell’anno precedente: nel 1860 ci furono 196 nati, nel 1861 ce ne furono 172. La differenza è irrilevante e l’andamento demografico sarà stabile anche negli anni successivi.

I fatti di Pontelandolfo sono sempre citati come esempio della efferatezza dell’esercito italiano – sono stati paragonati alle stragi naziste – e hanno un “ruolo d’onore” nella “giornata della memoria delle vittime meridionali dell’unità d’Italia”. Tuttavia, i dati certi smentiscono che a Pontelandolfo ci fu uno sterminio di massa. Come ha messo in luce il padre francescano Davide Fernando Panella nel saggio “Brigantaggio e repressione nel 1861. I fatti di Pontelandolfo e Casalduni nei documenti Parrocchiali” pubblicato sulla rivista Centro Studi del Sannio, a Casalduni non ci furono morti e a Pontelandolfo non ci fu il dimezzamento della popolazione. Dal Registro del Comune, infatti, si sa che a Pontelandolfo nel 1857 vi erano 5561 abitanti e nel 1866, secondo lo Stato delle Anime della parrocchia, gli abitanti erano 5239. Si tratta di dati espliciti che sono confermati anche da altri registri: nel 1839, secondo lo Stato delle Anime, le case erano 916 e gli abitanti 4959 e nel 1866 le case erano 927 e gli abitanti 5239 e, come annotava don Michelangelo Caterini, “la maggior parte della popolazione abita sparsa per la campagna in diverse contrade”. Come si vede, i dati certi delle fonti storiche smentiscono l’idea dell’eccidio ma chi sostiene, contro l’evidenza, che ci fu uno sterminio di massa arriva a dire che Pontelandolfo fu successivamente ripopolata. Se fosse vera questa ipotesi dovremmo avere cognomi diversi rispetto a quelli delle origini ma, come dimostra Davide Panella nel suo studio confrontando i cognomi del 1839 con quelli del 1866, questa diversità non esiste.

Insomma, la storia dei fatti di Pontelandolfo è particolarmente istruttiva non solo per ciò che accadde all’epoca ma anche e soprattutto per ciò che accade oggi: l’uso strumentale e propagandistico di quei fatti è chiaro. Se si apre il libro di Gigi Di Fiore – Briganti – a pagina 196 si legge: “Altro che solo tredici vittime, lo sostenevano uomini che si dichiaravano di fede liberale e si definivano miseri e infelici vittime di ogni sciagura”. E non c’è dubbio che la situazione fosse infelice e sciagurata ma che il 14 agosto 1861 a Pontelandolfo ci furono tredici vittime è un fatto certo (in realtà furono dodici e il tredicesimo morì il giorno 16): così è annotato con precisione nel Libro dei Defunti, così è confermato nella lettera del 3 settembre 1861 di Caterina Lombardi finora rimasta inedita e rinvenuta da Annibale Laudato, così si può leggere nel diario del tempo di Antonio Pistacchio che pur raffigurando un quadro drammatico non parla certo di sterminio di massa. La memoria, su quella giornata, dovrebbe essere più rigorosa.

tratto dal Corriere del Mezzogiorno dell’11 agosto 2017


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress