RSS Feed

#PasqualeViespoli| Il mattatore

1

novembre 20, 2017 by giancristiano

di Giancristiano Desiderio

Pasquale Viespoli è ritornato. Un destino inclemente lo aveva escluso dalla scena politica ma lui, fedele al nome, è rinato. Perché in fondo Viespoli è sempre stato un esule in patria che ha dato il meglio di sé attraversando il deserto. Lo ha fatto anche in questa ultima e arida stagione politica e ora che il vento è cambiato – perché è il vento a fare la storia – e ora che dal deserto sta uscendo proprio mentre altri vi stanno entrando, ecco che è pronto a giocare un’altra volta la sua partita. Come? Nell’unico modo che conosce: con le idee. Con malcelato compiacimento ha sempre detto di appartenere alla cultura dei vinti piuttosto che alla boria dei vincitori e dopo questa seconda attraversata del deserto della sua vita che, forse, mai avrebbe immaginato di rifare, proverà magari a dire, con una di quelle capriole tipiche dell’ironia della storia, quanto disse il vecchio Einaudi riprendendo a scrivere sul Corriere della Sera nell’agosto del 1943: Heri dicebamus. Alle prossime elezioni politiche Viespoli ci sarà alla sua maniera: senza trasformismi e senza scorciatoie indicando al Sannio una via nazionale. Il mattatore è tornato.

Al congresso provinciale di Fratelli d’Italia-An il mattatore ha preso di petto Nunzia De Girolamo e, senza temere accuse di molestie, ha detto tre cose: i candidati della destra sono scelti da Giorgia Meloni, avere consenso non significa spostare pezzi di elettorato imbarcando personale politico di centrosinistra, il nuovo non è figlio dell’anagrafe ma della politica capace di rappresentanza e rappresentazione. La linea è tracciata e il campo sul quale Pasquale Viespoli accetta il confronto è quello della ragione esercitata in pubblico. Un terreno di gioco che gli è particolarmente congeniale, soprattutto in questo momento di rinascita politica perché si trova nelle migliori condizioni di lotta: tranne l’onore, non ha nulla da perdere.

Non so come sarà nella primavera prossima ventura il “quadro politico”, come dicevano un tempo i notisti politici dando l’impressione di dir molto senza dire niente. Non mi intendo neanche di leggi elettorali perché appartengo a quella strana categoria di persone che pensano che esistano solo due sistemi elettorali: proporzionale e maggioritario. Non so, dunque, come dovranno essere le alleanze e se l’araba fenice del centrodestra metterà insieme tutto cioè anche il suo contrario. So solo una cosa: anche nel guazzabuglio generale Viespoli terrà ferma la linea di un’intesa con la Lega perché paradossalmente proprio il leghismo gli offre il destro di pensare lo straccio di una comunità nazionale o uno Stato nazionale intero in cui il Mezzogiorno non sia piagnone e rivendicativo ma attivo e propositivo. La battuta caustica su Umberto Del Basso De Caro, che sembra uscita da un pezzo di Longanesi – “somiglia sempre più a un alto funzionario dell’Anas” -, va vista non solo come un vezzo del mattatore che non sa resistere al gusto della battuta piaciuta allo stesso sottosegretario, ma soprattutto come la consapevolezza che ha dell’assenza di rappresentazione del Sud da parte di una sinistra che si prepara a perderne la rappresentanza.


1 comment »

  1. S. Errico ha detto:

    complimenti per lo scritto, efficace ed originale

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress