RSS Feed

Gourman | Vizzari e il potage di etica e deontologia

0

dicembre 4, 2017 by Antonio Medici

A circa due settimane dall’inaugurazione del megaparco alimentare di Farinetti a Bologna, Fico, apre a Torino EDIT -Eat Drink Innovative Together. Duemila metri quadrati allestiti con un birrificio artigianale, un ristorante, quattro cucine professionali, un cocktail bar, un bakery caffè.
Offrire una “esperienza realmente immersiva nella cultura del cibo” declama con tono documentaristico una suadente voce nel video di presentazione. Coinvolti, come d’uopo, archistar, grandi chef, bartender, i big dell’enogastronomia. Tutti al servizio di una formula innovativa infarcita di coworking, condivisione, partecipazione, innovazione, sperimentazione.
Un food blogger invitato alla presentazione ne parla così: “Edit non e’ un bistrot, ma un’operazione immobiliare da 12 milioni€. … Edit e’ una figata. …vi posso assicurare che delle 1500 persone della prima l’80% voleva vedere solo un posto nuovo, senza cagarsi Stelle o Cappelli. L’idea che il popolo sia educato o ingannato da Guide, Blog, Influencer forse sovrastima il nostro lavoro. E comunque Edit e’ una figata.”

Raccontano le cronache che da Edit ciascun ghiottone potrà essere protagonista della cucina, cucinando il proprio cibo e il beer addicted potrà autoprodursi la birra per saziare la propria sete. Sarà interessante scoprire come funzioni tutto questo.
Intanto divampa la polemica sviluppatasi a seguito di un articolo apparso sulle pagine online del Corriere della Sera a firma di Valerio Massimo Visintin. Il critico mascherato bacchetta Paolo Vizzari, consulente di EDIT, redattore con papà Vincenzo di una storica e influente rubrica su L’Espresso, collaboratore della Guida dei Ristoranti L’Espresso, diretta sempre da papà, direttore editoriale del sito Passione Gourmet. Qual è il motivo del calar della penna mannaia di Visintin sulla cresta del rampollo Vizzari è presto detto: l’evidente, palese, macroscopica incompatibilità etica e deontologica tra l’esercizio della critica gastronomica e la consulenza retribuita prestata a favore di un nuovo colosso operante nel medesimo settore in cui operano i recensiti da figliuol Paolo e dal suo paparone.
Nella lunga e a tratti aspra e volgare discussione su faccialibro sono intervenuti giornalisti, blogger e lo stesso Paolo Vizzari. Questi a sua difesa ha schierato un attacco composto dai seguenti argomenti: Visintin mangia e beve solo a Milano, io in tutto il mondo; Visintin ha ereditato il mestiere del padre; mi sono dimesso dalla Guida l’Espresso, per il resto curo solo una rubrica su un primario periodico italiano, ma non sono giornalista quindi il codice deontologico non si applica; scrivo reportage sui ristoranti non articoli di critica quindi non sono in conflitto di interessi; Visintin è un fuorilegge perché gira mascherato in violazione di una precisa legge dello Stato.
Lettori e giornalisti sono intervenuti appassionatamente nella polemica, suddividendosi tra pro e contro Vizzari e più in generale pro e contro la sua disinvolta etica professionale.
Dopo circa 160 commenti la discussione è avvitata su se stessa senza che possa trarsi una conclusione.
Proviamo, allora, a riformulare la questione come se riguardasse la politica e vediamo se se ne vien fuori una conclusione netta. Ipotizziamo, per esempio, che Bruno Vespa accettasse di essere consulente retribuito di Massimo D’Alema e che promettesse, visto il suo nuovo ruolo, di non scrivere più libri (guide) di contesto politico (gastronomico) pur continuando a guidare la sua trasmissione (rubrica). Solleverebbe una levata di scudi il palese conflitto tra l’attività di consulente di un politico e quella di conduttore di una trasmissione di approfondimento anche politico? Senza dubbio si.
Il caso di Paolo Vizzari è del tutto analogo ma non suscita scalpore, né tra larga fetta di famelici addetti ai lavori né tra i lettori.
Il settore della critica enogastronomica, infatti, è avvilito e screditato da consuetudini analoghe a quella di figliuol Paolo. Le affilatissime lame degli interessi hanno triturato etica e deontologia, finite in un potage maleodorante insieme ai fagioli, investimenti, interessi, scarole, patate e pajette. Una minestra di interessi e cibo indigeribile per i lettori e dannosa per il discredito che sparge su cronisti e critici gastronomici.
La sfrontatezza di figliuol Paolo Vizzari è madre e figlia, al contempo, di un sistema sovvertito, di un mondo capovolto nel quale Visintin, impenitente e strenuo difensore dell’indipendenza e dell’anonimato del critico gastronomico, non può che essere additato come capobanda dei fuorilegge.


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress