RSS Feed

#SerieA| Sarri e la morte del dribbling

0

dicembre 12, 2017 by giancristiano

di Giancristiano Desiderio

Il vero avversario del Napoli non è l’Inter, non è la Juventus e nemmeno la Roma. E’ il Napoli. La prova è data dalla stessa squadra di Maurizio Sarri: non gioca male, fa sempre la partita, ha un elevato possesso palla ma – ecco il punto – non riesce più a trovare il corridoio giusto per arrivare in porta. La sua virtù è diventato il suo vizio. L’avversario del Napoli è il limite che il gioco di Sarri ha ormai toccato con mano e con i piedi: il possesso della palla non si trasforma più in gol. La geometria da sola non basta: è necessaria ma non sufficiente per creare calcio. Ciò che manca è uno squisito elemento calcistico che la geometria allo stesso tempo fa nascere o uccide: il dribbling. La differenza è fatta dal giocatore e – come direbbe Vico – dal suo ingegno.

La Fiorentina al San Paolo ha dato l’impressione di controllare la partita lasciando al Napoli il controllo della palla. E’ vero che è stata “la migliore Fiorentina dell’anno”, come ha detto l’allenatore Pioli ma è altrettanto vero che il miglioramento nasce dalla conoscenza del gioco di Hamisk e compagni che senza un’invenzione calcistica si compiace sterilmente di sé e come la Regina Ravenna chiede: “Specchio specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?”. Va tutto bene fino a quando non salta fuori una fanciulla più fresca e più bella: Biancaneve. Eppure, la favola del Napoli non è ancora finita.

Si tratta di capire come la geometria – il gioco di Guardiola rivisitato da Sarri – non diventi un labirinto ma una creazione a vantaggio del dribbling. E’ questo ormai un dato di fatto che non riguarda solo il Napoli: i calciatori hanno difficoltà a saltare palla al piede l’avversario. Nel Napoli il limite diventa ancora più evidente perché tutta la macchina funziona fino alla trequarti ma lì giunta, quando la geometria cartesiana deve lasciare il campo alla “logica poetica” vichiana, la macchina si inceppa e non riuscendo ad andare oltre se stessa ritorna indietro fino a Koulibaly, Albiol e Reina replicando all’infinito dei novanta minuti.

E’ vero che il calcio è fatto anche di episodi e se la palla di Zielinski non fosse finita sul palo ma rotolata in rete ora ci sarebbe un’altra storia da raccontare. Tuttavia, non solo non è giusto ma neanche legittimo giudicare il sarrismo con un episodio, positivo o negativo che sia. Dopo la sconfitta con la Juventus, Biagio de Giovanni ha detto che il gioco di Sarri si ripete e mostra la corda, mentre Arrigo Sacchi ha messo in luce che la squadra di Allegri non ha giocato. La posizione del filosofo e l’analisi del teorico sono vere entrambe, quasi come se fossero la tesi e l’antitesi di Hegel che, però, erano e sono vere solo nel terzo momento in cui il gioco non si ripete vanamente e la Juve non vince senza giocare: nel dribbling che non c’è più. Il sarrismo ha il suo destino nell’invenzione calcistica: non può razionalizzarla per ucciderla ma per farla vivere, altrimenti uccide se stesso. Appunto, il Napoli è per il Napoli l’avversario più difficile.

tratto dal Corriere del Mezzogiorno del 12 dicembre 2017


0 comments »

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. Ha diretto Il Sannio, è stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente e notista politico di Liberal. Scrive per il Corriere della Sera e Il Giornale.
     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress