RSS Feed

I capponi di Renzo

0

maggio 18, 2010 by admin

di Peppe Porcaro

Senza voler urtare la suscettibilità di alcuno ma questi  rappresentanti locali del PDL,  amareggiati e sconfitti dalle recenti nomine assessoriali in Regione Campania, – più che se avessero perso le elezioni di marzo – ricordano molto i capponi che Renzo si decise infine, su consiglio della buona Agnese, a portare in dote da Azzeccacarbugli perché ne facesse…polpette.

Io son venuta al mondo prima di voi: e il mondo lo conosco un poco. Non bisogna poi spaventarsi tanto: il diavolo non è brutto quanto si dipinge. A noi poverelli le matasse paiono più imbrogliate, perché non sappiamo trovare il bandolo; ma alle volte un parere, una parolina d’un uomo che abbia studiato… so ben io quel che voglio dire. Fate a mio modo, Renzo; andate a Lecco; cercate del dottor Azzecacarbugli, raccontategli. Ma non lo chiamate così, per amor del cielo; è un soprannome. Bisogna dire il signor dottor… Come si chiama ora? Oh tò! non lo so il nome vero: lo chiaman tutti a quel modo. Basta cercare di quel dottore alto, asciutto, pelato, col naso rosso, e una voglia di lampone sulla guancia … Pigliate quei quattro capponi, poveretti! a cui dovevo tirare il collo, per il banchetto di domenica e portateglieli; perché non bisogna mai andare con le mani vote da què signori. Raccontategli tutto l’accaduto; e vedrete che vi dirà, su due piedi, di quelle cose che a noi non verrebbero in testa, a pensarci un anno

E Renzo alfin partì con i suoi capponi, – avviandosi per viottole, fremendo, ripensando alla sua disgrazia, e ruminando il discorso da fare al dottor Azzecacarbugli. – Ora stendeva il braccio per collera, ora l’alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse, e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto si ingegnavano a beccarsi l’un con l’altra, come accade troppo sovente tra i compagni di sventura

Fuchera!

Capera!

Chiachèra!

Chiazzera!

Lumèra!

Trammèra!

Culèra!

Spitalera!

Funnachèra!

Concola ‘e cantenèra!

Maneco ‘e cafettèra!

Cupierco ‘e cemmenèra!

Crepo si nun te ciacco a tte e a sta vecchia ròsecatabacco!

Brutta faccia de voia!

Mièttence chesta toia!

St’uocchie cu li ricotte

Sta vocca de latrina

Sti diente a caucenàro

Si viene ‘a ccà t’ammacco lu panàro!

Ah! … ca te sia tagliata chesta lengua spuntata ca chiove a cielo apierto e pare nu zerrizerro

Va! … ca te poza venire la pepitola!

E ca tu pozza arrunchiare comm’a ccòtena ‘ncoppa a li gravune!

Zandraglia perugliosa!

Guaguina jetta-cantaro!

Cacatallune a tte e a chi sta cu tico!

Lavate ‘a vocca si parle cu mmico!

Mora dint’a na fossa si nun te rompo st’ossa!

Piera storta de papera!

Tallune fatte a pprovola!

Uocchie de ceca-voccola!

Naso de cacciuttella

Brutta scigna cacata!

E mmò facite l’urdema sparata!

Zellosa

Fetosa

Merdosa

Zandragliosa

Voccola rugnosa

Maneco ‘e scopa ‘nfosa

Forbice ca taglia e cose

Pettula chin’  ‘e pertose

Janara catarrosa

Aucellona ‘nzevosa

Gatta cecata

Tozzola spugnata

Pereta ‘mbarzamata

Trummetta scurdata

‘Rancascia scuncecata

Vrenzula spurtusata

Furnacella sfunnata

E mmò sfucate! … e piglateve a mazzate…..

E partirono bombarde, e si udirono starnazzi. Vularono pagnuotti e suchezzuni, e poi paccheri, pernacchi, e sputezzuni. E giunse alfin il fiero grido: secessione secessione! E dunque allora:  referendùm, referendùm. Guaglù facimma ammuina, chi sta ncoppa vada a bbascio, chi sta bbascio vda ncoppa. Chi stà a cca vàca allà e chi stà allà venesse accà. E mmarracumanno: che si portino fora li banchetti pò referendùm. E cacchetuno, marraccumanno assaie, purtasse l’aglianico e la caciotta. E fave e pancetta e pur ‘a  ricotta…


0 comments »

Rispondi

BLOGGER:

Giancristiano Desiderio

Giornalista e saggista. È stato cronista parlamentare di Libero, vicedirettore de L’Indipendente, notista politico di Liberal. Collabora con Il Giornale e Corriere del Mezzogiorno

     

Gennaro Malgieri

Giornalista e saggista. Ha diretto il Secolo d'Italia e L’Indipendente. Ha fondato la rivista Percorsi.
 

Billy Nuzzolillo

Giornalista. Ha collaborato con Il Sole 24 Ore, il Corriere della Sera, il Corriere del Mezzogiorno e La Voce di Indro Montanelli. Ha fondato il blog Sanniopress.

     

Antonio Medici

Fondatore del blog Gourman.it, racconta “esperienze” enogastronomiche senza tecnicismi anche sui quotidiani Roma e Sannio.

     

Amerigo Ciervo

Docente. Da quarant'anni cercatore di musiche e storie

   

Guido Bianchini

Laureato in filosofia, studioso di pensiero ebraico moderno e di onto-teologia contemporanea.

   


Cerca nel sito

Categorie

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere le notifiche dei nuovi post.

I libri di Sanniopress